BlueGriffon, HTML Jquery, librerie Giochi, Blogger, Templates Blogger, widget, gadget, aspetto QR, codice, Blogger AdWords, Google, pubblicità Templates, Blogger, Natura Nlogger, templates, Manga

In che modo Google utilizza il riconoscimento di pattern per comprendere le immagini.

I computer non "vedono" le foto e i video come fanno le persone. Quando guardi una foto, potresti vedere la tua migliore amica in piedi di fronte a casa sua. Dal punto di vista di un computer, quella stessa immagine è semplicemente un insieme di dati che può interpretare come forme e informazioni sui valori cromatici.

Anche se non reagisce come te quando vedi quella foto, un computer può essere addestrato a riconoscere determinati pattern di forme e colori.

Ad esempio, un computer può essere addestrato a riconoscere i pattern comuni di forme e colori che compongono l'immagine digitale di un volto. blogger_templates

Questo processo è noto come rilevamento facciale ed è la tecnologia che aiuta Google a proteggere la tua privacy su servizi come Street View, dove i computer tentano di rilevare e poi sfocano i volti di tutte le persone che erano presenti per strada mentre passava l'auto di Street View. Questa tecnologia supporta anche servizi quali Foto Google+ nel suggerire di taggare una foto o un video quando rilevano che potrebbe essere presente un volto. Il rilevamento facciale non indica di chi è il volto, ma può aiutarti a trovare i volti nelle tue foto.

A livelli più avanzati, la stessa tecnologia di riconoscimento dei pattern alla base del rilevamento facciale può assistere un computer nel comprendere le caratteristiche del viso che ha rilevato. Ad esempio, certi pattern potrebbero suggerire che un volto ha la barba o gli occhiali oppure attributi come quelli. Informazioni di questo tipo possono essere utilizzate per supportare funzioni quali la riduzione degli occhi rossi o possono farti divertire permettendoti di collocare un paio di baffi o un monocolo al posto giusto sul tuo viso quando sei in un Hangout.

Oltre al rilevamento facciale, Google utilizza anche la tecnologia di riconoscimento facciale in alcune funzioni. Il riconoscimento facciale, come suggerisce il nome, può assistere un computer nel confrontare facce note con un nuovo volto per verificare se c'è una possibile corrispondenza o somiglianza. Ad esempio, il riconoscimento facciale consente agli utenti della funzione Trova il mio viso di visualizzare suggerimenti su eventuali persone da taggare in una foto o in un video che hanno caricato e che desiderano condividere. Leggi ulteriori informazioni su Trova il mio viso nel Centro assistenza di Google+.

Come funziona Ricerca vocale.

Ricerca vocale consente di sottoporre una query vocale a un'applicazione client di ricerca di Google su un dispositivo, invece di digitarla. Questo servizio utilizza il riconoscimento dei pattern per trascrivere le parole pronunciate in testo scritto. Per ogni query vocale fatta a Ricerca vocale, salviamo la lingua, il Paese, l'espressione enunciata e l'ipotetico testo trascritto dal nostro sistema. I dati audio memorizzati non contengono l'ID del tuo account Google, a meno che tu non abbia deciso il contrario. Non si inviano gli enunciati a Google a meno che tu non abbia espresso l'intenzione di utilizzare la funzione Ricerca vocale (ad esempio premendo l'icona del microfono nella barra di ricerca rapida o sulla tastiera virtuale o pronunciando "Google" quando la barra di ricerca rapida indica che la funzione Ricerca vocale è disponibile).

Inviamo le espressioni enunciate ai server di Google per riconoscere ciò che hai detto. Conserviamo le espressioni enunciate per migliorare i nostri servizi, nonché per addestrare il sistema a riconoscere meglio la query di ricerca corretta.

google-chrome-ricerca-vocale

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

In che modo Google utilizza il riconoscimento di pattern per comprendere le immagini. In che modo Google utilizza il riconoscimento di pattern per comprendere le immagini. Reviewed by Luca Soraci on ottobre 31, 2013 Rating: 5

Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google, Linkedin, Instagram o Pinterest. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie! CONDIVIDI SU!!

Nessun commento

!-- Google Tag Manager (noscript) -->