BlueGriffon, HTML Jquery, librerie Giochi, Blogger, Templates Blogger, widget, gadget, aspetto QR, codice, Blogger AdWords, Google, pubblicità Templates, Blogger, Natura Nlogger, templates, Manga

Dropbox e gli altri, i migliori servizi di cloud storage.

Dropbox e gli altri. Ecco le caratteristiche salienti dei migliori servizi di cloud storage e file sharing presenti sul mercato
Con decine di servizi analoghi e simili a disposizione, il mondo del cloud storage e del file sharing può essere a volte ingannevole.
Gli utenti, anche quelli più esperti, possono quindi avere difficoltà a districarsi tra le varie dimensioni, funzioni e tagli offerte da Dropbox e i suoi fratelli e fare una scelta in linea con le loro necessità.
Dropbox.
Facile da utilizzare, semplice da settare e affidabile. Questo il trittico di caratteristiche che ha portato Dropbox ad essere il servizio di cloud storage più diffuso e utilizzato al mondo. I file potranno essere caricati e gestiti da qualsiasi tipo di dispositivo (dai computer Windows, OS X e Linux a smartphone iOS, Android, Windows Phone, BlackBerry) e saranno accessibili anche attraverso il portale web del servizio.
dropbox


Al momento dell'iscrizione gli utenti riceveranno uno spazio di archiviazione di 2 gigabyte, facilmente espandibili in maniera gratuita. Chi avesse, però, particolari esigenze, può decidere di accedere ai servizi a pagamento al prezzo di 10 euro al mese per ogni 100 gigabyte di spazio aggiuntivo.
Una volta che i vari client saranno installati sui propri dispositivi, i file e le cartelle selezionate verranno sincronizzate in maniera automatica, facilitando compiti e vita di chi lo utilizza. L'interfaccia grafica è semplice e lineare, permettendo anche agli utenti alle primissime armi di farne uso senza troppe difficoltà, sia nella versione desktop, sia nella versione mobile.
SugarSync.
Da poco divenuto a pagamento - anche se con un periodo di prova gratuito di 30 giorni -, SugarSync si propone come una delle alternative più valide a Dropbox. Grazie all'interfaccia rinnovata e più accattivante, alla stabilità e affidabilità dei client e alla semplicità con cui è possibile scegliere file e cartelle da sincronizzare, questo servizio di cloud storage sta conquistando fette di mercato sempre più importanti.
La maggiore differenza con altri servizi analoghi – come ad esempio Dropbox e Google Drive –, SugarSync non prevede l'utilizzo di una cartella di condivisione predefinita, ma ogni file e cartella del sistema possono essere sincronizzate semplicemente trascinandole all'interno del client del servizio. O, in alternativa, selezionandole con il tasto destro del mouse e aggiungendole alla lista di quelle “controllate” da SugarSync.
Con la nuova versione migliorata anche l'organizzazione dei menu, ora più chiara ed efficacie. Anche il file sharing e la condivisione dei contenuti con gli altri utenti è stata resa più immediata. Se proprio si volesse trovare una pecca al servizio, ci si potrebbe lamentare delle funzionalità di ricerca, basate esclusivamente sui metadati e, per questo motivo, un po' limitate.
Google Drive.
Non solo posta elettronica. Dietro un account Google si nascondono una lunga serie di servizi e strumenti – gratuiti nella gran parte dei casi – che gli utenti possono sfruttare utilizzando una normale connessione al web. Tra questi anche il servizio di cloud storage conosciuto con il nome di Google Drive. Con i suoi 15 gigabyte di spazio d'archiviazione gratuito, Google Drive è tra i servizi più munifici, anche se in questo spazio vanno conteggiati tutti gli allegati ricevuti sul proprio account di posta elettronica Gmail, le foto caricate su Google+ e i file creati con la suite di applicativi d'ufficio di Google.
I file possono essere caricati e gestiti direttamente dal web browser o scaricando e installando il client per Windows o Mac. La configurazione del servizio non richiede una grossa padronanza e conoscenza del mondo informatico e fa della semplicità d'utilizzo il suo fiore all'occhiello.
iCloud.
Come accade con Google, anche il servizio di cloud storage di Apple è strettamente legato ad altri servizi – Calendario, Contatti, iTunes music, Foto, ecc. - della casa di Cupertino. Ed è forse questo uno dei più grandi limiti di iCloud: a differenza degli altri servizi di archiviazione sulla nuvola, dà il meglio di sé quando è utilizzato in abbinamento con un'altra app o servizio Apple, permettendo una sincronizzazione e condivisione di file e impostazioni immediata e affidabile. Negli altri casi, invece, starà all'utente scegliere se e come sincronizzare file e contenuti – sempre legati ad una o più applicazioni – sullo spazio messo a disposizione da Apple (5 gigabyte gratuiti con pacchetti di espansione a pagamento).
iCloud
Il servizio, insomma, è tarato sulle necessità e gli utilizzi degli utenti della mela morsicata, che troveranno molto utili tutte le varie opzioni e funzionalità pensate esclusivamente – o quasi – per loro.
OneDrive.
Aggiornato per l'ennesima volta non più di due mesi fa, il servizio di cloud storage di Microsoft si presenta ai blocchi di partenza tirato a lucido. Presente di default in tutti i computer Windows 8 o Windows 8.1, OneDrive (conosciuto sino a poche settimane fa con il nome di SkyDrive) può essere utilizzato – dopo l'installazione di un client – anche da utenti OS X, da utenti con versioni precedenti di Windows, Android, iOS e Xbox. Una volta iscritti si ha a disposizione gratuitamente uno spazio di archiviazione di 7 gigabyte, espandibili a pacchetti 50 gigabyte al prezzo di 25 dollari ogni anno. Il servizio può ospitare qualsiasi tipo di file – dai documenti di testo a file multimediali di grandi dimensioni – organizzati automaticamente per tipologia, così da poter essere ricercati più in fretta.
Il maggior punto di forza del servizio, naturalmente, è l'integrazione con altri programmi e servizi Microsoft. Dalla lista dei file recenti dei programmi del pacchetto Office, ad esempio, si potrà accedere direttamente ai file creati con Office Online e salvati nel proprio spazio OneDrive. Allo stesso tempo, però, questo rappresenta anche uno dei punti deboli del servizio: l'integrazione con gli altri ambienti operativi non è ancora ottimale e potrebbe portare gli utenti a optare per altri servizi di cloud storage.
BitTorrent Sync.
Pur non essendo un vero e proprio servizio di cloud storage, BitTorrent Sync sta rapidamente prendendo piede tra gli internauti di tutto il mondo. Molto simile ad un servizio di file sharing, BitTorrent Sync sfrutta le stesse tecnologie che si nascondono dietro il più celebre BitTorrent. Installando il client sul proprio computer o smartphone – ne esistono versioni per Windows, OS X, Linux, FreeBSD, Android e iOS – si potranno liberamente scegliere quali file e cartelle sincronizzare con altri dispositivi.
I file, a differenza di quanto accade con altri servizi di cloud storage, non verranno copiati su server di proprietà del fornitore del servizio, ma rimarranno salvati esclusivamente sulla memoria del dispositivo. La sincronizzazione avverrà grazie all'utilizzo di protocolli P2P (peer-to-peer), molto simili a quelli utilizzati da programmi come BitTorrent o uTorrent. I file vengono divisi in pacchetti e inviati secondo un algoritmo scelto dal client per garantire la massima velocità di trasferimento. I dispositivi configurati per la sincronizzazione sono connessi direttamente tramite mappatura porte UPnP, UDP e NAT traversal. La connettività è inoltre garantita da metodi aggiuntivi come i server di inoltro e tracker. Se i file si trovano nella medesima rete locale, verranno trasferiti all'interno della LAN, così da migliorare le prestazioni in upload e download.
Per poter ovviare ai comuni problemi di protezione della privacy e dei dati personali connessi con i servizi di cloud storage, BitTorrent utilizza diversi protocolli di sicurezza informatica. Il mutuo riconoscimento tra i dispositivi sincronizzati avviene grazie al protocollo SRP (Secure Remote Protocol), mentre tutto il traffico tra i dispositivi è criptato con chiave AES a 128 bit. La chiave è univoca per ogni sessione ed è generata in maniera casuale all'avvio di ogni connessione.
Ubuntu One.
L'importante è non farsi trarre in inganno dal nome. Ubuntu One è creato da Canonical, dalla stessa software house che sviluppa e realizza il sistema operativo Linux Ubuntu, ma non è riservato esclusivamente a utenti Linux.
Ubuntu One
Con i suoi 5 gigabyte di spazio gratuito (espandibili a pacchetti di 20 gigabyte al costo di 3 dollari al mese o 30 dollari annui) e client disponibili praticamente per ogni ambiente operativo – sia desktop sia mobile – il servizio di archiviazione cloud di Canonical vuole proporsi come seria alternativa a Dropbox SugarSync e Google Drive. Tutti i file, comunque, saranno accessibili e gestibili dal web. Collegato ad Ubuntu One il servizio di Music Streaming, che permette di salvare sino a 20 gigabyte di musica sulla nuvola, rendendola accessibile da smartphone e dal web.
BackupGenie.
Non un semplice servizio di cloud storage. Come lascia intendere il nome, BackupGenie è il servizio ideale per chi volesse realizzare copie di backup dei propri file sulla nuvola, così da averli a disposizione su qualsiasi dispositivo e in qualsiasi momento.
GenieBackup
A differenza dei servizi descritti precedentemente, BackupGenie non ha spazi d'archiviazione gratuiti, ma grazie a piani tariffari piuttosto convenienti (4,5 dollari al mese per 75 gigabyte, 10 dollari per spazio illimitato) si propone come una delle alternative più convincenti per chi ha grosse moli di dati da archiviare. La gestione dei file da salvare e già salvati è affidata ad un client dall'interfaccia semplice e intuitiva. Sarà l'utente a scegliere la periodicità delle scansioni, così che il processo di backup e archiviazione dei file non richieda ulteriori azioni da parte dell'utente.
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
Dropbox e gli altri, i migliori servizi di cloud storage. Dropbox e gli altri, i migliori servizi di cloud storage. Reviewed by Luca Soraci on luglio 03, 2014 Rating: 5

Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google, Linkedin, Instagram o Pinterest. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie! CONDIVIDI SU!!

Nessun commento